Corso di documentazione subacquea delle grotte

Perche’? e’ probabilmente la piu’ comune domanda che e’ stata fatta a qualsiasi cave diver.

Come spieghi alla tua famiglia e ai tuoi amici cosa stai facendo li sotto? E’ freddo,buio,profondo e apparentemente un ambiente ostile. Non c’e’ vita animale,solo pareti di roccia e acqua intorno. Ma per chi pratica cave diving e’ uno stile di vita, la passione per la scoperta di nuovi mondi sconosciuti supera qualsiasi altra considerazione.

Lot,zona di grotte in Europa

Nella parte sud-ovest della Francia, le citta’ di Cahors,Gourdon,Figeac e Gramat “delimitano” la regione del Lot.

Questa zona di foreste verdi lussureggianti e di resti medievali, ricca di castelli, paesi medievali,mulini ed edifici antichi e’ considerate la Mecca per le immersion in grotta in Europa. La regione del Lot e’ attraversata dai fiumi Cele’, Lot e Dordogna , incredibilmente  lontana dal mare, e’ uno dei posti chiave per le immersioni in grotta in Europa.

I tre fiumi hanno con il tempo eroso il calcare, creando un sistema di grotte, risorgenze e sifoni che si estendono per chilometri sottoterra. Il Lot e’ stato anche la sede di un progetto internazionale di documentazione con partecipanti di diverse nazionalita’.

La motivazione per partecipare ad un simile progetto e’ spiegata attraverso la testimonianza di Marcus, un subacqueo norvegese,appassionato esploratore di grotte. 

Perche’ le grotte?

Perche’ alcune persone scalano l’Everest e altri volano nello spazio? E’ nel nostro DNA. Fin dalla preistoria l’uomo e’ stato un esploratore. Ma, in particolare nel nostro caso,la passione e l’avventura, insieme al buio ed alla profondita’, e’ vissuta all’interno di un team di grandi amici provenienti da tutte le parti del mondo.

Ci sono poche attivita’ che possono aggregare un team di persone come quelle che ci sono dietro questo progetto:  Tedeschi, Olandesi, Spagnoli, Italiani, Svizzeri, Norvegesi e Svedesi, che tutti insieme vogliono dimostrare ai non subacquei quanto sia affascinante immergersi in grotta e le motivazioni del perche’ lo facciano.

Il nostro obiettivo

Noi ci immergiamo in grotta per capire e proteggere il regno sottomarino,per fare ricerche biologiche, archeologiche, e monitorare il comportamento dell’acqua e I suoi effetti sull’eco sistema locale.

Photo: Jan Henry S. Fosse

Photo: Jan Henry S. Fosse

Documentiamo e mappiamo vasti sistemi subacquei;  rileviamo e riportiamo dati come le variazioni della temperatura, le correnti dell’acqua e la qualita’ della stessa, il tipo di sedimenti e la presenza di flora e fauna. Portare questi dati in superficie e condividerli con la comunita’ scientifica e’ di fondamentale importanza per una migliore comprensione del nostro pianeta e delle sue cruciali risorse acquatiche.


Illustration: Marcus Langberg Smestand and MIchael Spahn


Rischi sotto controllo

Quale e’ il prezzo in termini di rischi? Noi crediamo che l’aspetto della sicurezza e’ qualcosa che non possa essere sottostimato. Immergersi in grotta puo’ essere una attivita’ impegnativa e pericolosa, tuttavia non deve essere cosi.

L’addestramento,la pianificazione ed il lavoro di team sono le fondamenta dell’immersione in grotta, a prescindere se stiamo raccogliendo dati o semplicemente facendo un’immersione di piacere. Una buona esperienza subacquea,unita ad un addestramento avanzato a gestire situazioni in team,ci permette di raggiungere in sicurezza profondita’ e luoghi che sono preclusi alla maggior parte dei subacquei .

L’immersione in grotta non e’ per tutti, e di conseguenza progetti come questi  permettonodi condividere il nostro entusiasmo e la nostra passione con le persone che amano guardare le foto ed I video che produciamo, sulla terraferma.

Il mondo intero e’ stato esplorato e si e’ cominciato ad esplorare lo spazio,cercando pianeti che possono sostenere qualche forma di vita. Cio’ nonostante, dal momento che il primo uomo ha messo piede su Marte, ci saranno ancora ambienti sottomarini che aspettano di essere scoperti, posti dove nessun uomo ha messo piede fino ad ora.

 
By the time man has put one foot on Mars, there will still be places underwater waiting to be discovered
 
 
 

Cave training

Formal cave training can be obtained through several agencies including the Global Underwater Explorers www.gue.com


    Fact:

    The longest cave dive travers (frome one opening to another) was carried out by Jarrod Jablonski and Casey Mckinley travelling more than 11 km after spending more than 20 hours under water in Wakulla springs, Florida


     

    Maps:

    Maps are created through a tedious process of measuring the depth, distance(s) and angles relative to a guideline placed in the cave.